LOCALITÀ E MONUMENTI INTERESSANTI

LOCALITÀ E MONUMENTI INTERESSANTI.  località e monumenti Il territorio della Turchia occupa un’area immensa, più o meno corrispondente a quella di Italia, Grecia, Germania e Portogallo messi insieme; perciò non è assolutamente possibile visitare questo paese tutto in una volta, e bisogna decidere che cosa tralasciare. Naturalmente, il viaggio aereo vi permetterà di coprire grandi distanze in breve tempo, ricorrendo ai voli interni della compagnia aerea di bandiera turca; ma un viaggio di questo tipo ha lo svantaggio di darvi una conoscenza molto superficiale del paese, della popolazione e del suo modo di vivere. Le linee ferroviarie sono poche e hanno percorsi molto tortuosi, ma sono completate da una rete di pullman rapidi e comodissimi che raggiungono tutte le città, mentre le navi fanno scalo nei porti di entrambe le coste.

È vero comunque che il mezzo migliore per conoscere le località fuori mano è l’automobile, anche se spesso le strade lasciano parecchio a desiderare.

I turisti motorizzati entrano generalmente in Turchia passando da Edirne (Adrianopoli), dove la moschea di Selim da già un’idea dello splendore dell’arte islamica, mentre si ha anche il primo contatto con la vita di strada in una città turca. Ovviamente la meta d’obbligo in Turchia è rappresentata da Istanbul, la cui visita richiede una sosta di vari giorni. La città vecchia con la sua profusione di magnifiche moschee, palazzi e musei ed il suo labirinto di vicoli, i quartieri moderni dominanti il Bosforo — una delle vie d’acqua più belle del mondo — ed il celebre Corno d’Oro formano un insieme che non deluderà neanche il viaggiatore più esigente.

Bursa merita senz’altro una visita, per i suoi monumenti, la sua attraente atmosfera e la sua bellissima posizione ai piedi del monte Uludağ, l’antico Olimpo di Misia. È facilmente raggiungibile da Istanbul, al pari di altre interessanti località, quali le spiagge di Kilyos e Sile sul Mar Nero, le Isole dei Principi, Çanakkale (battello da Istanbul) e le rovine di Troia per chi è appassionato di antichità. Anche Iznik, l’antica Nicea, non è lontana.

Mettendosi in marcia verso Ankara, è consigliabile fare una deviazione per il lago di Abant, nei pressi di Bolu. Per quanto riguarda la stessa Ankara, essa si presenta come un’oasi di verde in mezzo ad un paesaggio predesertico, ed attrae per i suoi monumenti architettonici moderni, e ancor più per lo splendido Museo delle Civiltà Anatoliche, la cui visita è indispensabile come premessa alle grandiose vestigia ittite di Boğazkale, Yazılıkaya ed Alaca Höyük.

Sulla costa occidentale mediterranea, Smirne (Izmir) è il miglior punto di partenza per le escursioni alle antiche città greche di Pergamo, Efeso, Didime, Mileto, Priene e così via. L’intera regione è disseminata di suggestive rovine dell’antichità e presenta perciò un particolare interesse per chi è appassionato d’arte. Vicino a Denizli, Pamukkale attrae invece per il suo spettacolare scenario naturale, con una serie di magnifiche cascate pietrificate. Nella parte più meridionale della costa, Antalya è un’affermata località di villeggiatura, con clima mite anche in inverno; il paesaggio di spiagge e montagne prosegue poi fino ad Alanya.

Nella regione a sud e a sud-est di Ankara, non mancate di visitare le città di Konya e Kayseri, con i loro magnifici esemplari di arte turca, e la zona compresa tra Göreme ed Ürgüp, che unisce al fascino del suo fantastico scenario di guglie e piramidi di pietra anche l’attrazione delle sue numerose chiese rupestri, tutte ornate di affreschi. La regione di Antakya, l’antica Antiochia, e quella di Adana e Alessandretta (iskenderun), sulla strada della Siria e del Libano, offrono un interesse soprattutto storico.

La fascia costiera sul Mar Nero, da Sinop a Trebisonda (Trabzon), comincia ora a essere scoperta. Il modo migliore per visitarla è in nave, con una crociera di sei giorni in partenza da Istanbul.

La parte orientale dell’Anatolia è ancora poco attrezzata per il turismo: rappresenta la via d’accesso all’Iran ed è consigliabile seguire la litoranea che passa da Samsun e Trebisonda. A sud-est di Erzurum, la regione del lago di Van attrae per la sua bellezza selvaggia e per alcune rovine interessanti. Gli archeologi non mancheranno di visitare la vallata dell’Eufrate (Firat, in turco) ed il grandioso santuario funebre di Commagene sul Nemrut Dağı.

Sono poi situati in Turchia alcuni celebri e importanti monumenti venerati dalla cristianità, come la Casa della Madonna ad Efeso, la Grotta di San Pietro ad Antakya (Antiochia), la basilica di San Giovanni ad Efeso, e la chiesa di San Nicola a Demre (l’antica Myra). Risalendo poi ai tempi biblici, tenete presente che una quarantina almeno di località citate nel Nuovo Testamento sono oggi ubicate all’interno del territorio turco; tra queste anche le sette comunità cristiane d’Asia dove predicò San Paolo.

Da questo sommario panorama, che ancora non esaurisce le innumerevoli attrattive turistiche della Turchia, vi renderete facilmente conto che è difficile comprenderle tutte in un viaggio; perciò, se il vostro primo viaggio non può prolungarsi molto, la cosa migliore è limitarsi ad Istanbul, Smirne e alle località circostanti, aggiungendo una sosta di riposo ad Antalya.

SCELTA DELL’ITINERARIO. Non è facile scegliere, dato che in Turchia ci sono troppe cose da vedere e bisogna anche tener conto di vari altri elementi: se ci andate con un serio programma di visita turistica, o per rilassarvi e riposarvi, oppure per dare un’occhiata un po’ dove capita; inoltre se il vostro entusiasmo è tale da affrontare tranquillamente disagi e strade sconnesse.

Ci limitiamo qui a suggerire qualche tour in Anatolia, a Istanbul e un programma di crociere nel Golfo di Gökova e fornire informazioni che riguardano il Nemrut Dağı. Per l’organizzazione di questi tour, ci si può rivolgere agli Uffici del Turismo e delle Informazioni, alle agenzie TURBAN (agenzie ufficiali della Banca del Turismo) e a tutte le altre agenzie di viaggio.

Itinerario 1 - Istanbul, costa egea (15 giorni): Istanbul (3 giorni). Nel 4° giorno si parte da Istanbul (Kartal) con la nave-traghetto, si giunge a Bursa da Yalova oppure seguendo la strada Istanbul-Izmir. 5° giorno Bursa-Çanakkale con la visita di Truva (Troia). 6° giorno Çanakkale-Izmir con la visita di Pergamo. 7° giorno Izmir-Kusadasi con la visita di Efeso. 8° giorno Kusadasi-Pamukkale con la visita d’Afrodisiade. 9° giorno Pamukkale-Bodrum con le visite di Priene, Mileto e Didime. Pernotiamento a Bodrum (2 giorni) e a Marmaris (2 giorni), ritorno a Izmir e di là a Istanbul.

This post has no comments. Be the first to leave one!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>